TANTI AUGURI DAL NUOVO CSP

IL NUOVO CSP augura a tutti voi Buone Feste. 

Di seguito trovate tutti gli appuntamenti e le nuove proposte per il nuovo anno

 


I professionisti del NUOVO Centro di Salute Psicofisica sono lieti di invitarvi all’incontro informativo gratuito sul tema delle demenze e delle terapie non farmacologiche attualmente utilizzate in Europa e Italia:

vi aspettiamo
dalle 15,30 alle 17,30

in via Luserna di Rorà 8 presso la Sala Polivalente Circoscrizione 3.

Durante tutto il seminario ampio spazio verrà lasciato alla discussone e alle domande dei partecipanti.

Scarica il volantino 

Per info

Tel: dott.ssa Silvia Moroso 334. 1535623
dott.ssa Ariana Di Rienzo 346. 3291017
Mail: info@salutepsicofisica.it


Il Nuovo Centro di Salute Psicofisica offre ai suoi soci un laboratorio di gruppo finalizzato ad attività di stimolazione cognitiva alternati a momenti ricreativi e socializzanti. “Officina Mente e Cervello” è rivolto ad adulti e anziani con disturbi di memoria e patologie neurologiche come Alzheimer e altre demenze, ictus e traumi cranici.

Il servizio è aperto due mattine a settimana dalle 9 alle 12 presso i locali del Nuovo Centro di Salute Psicofisica in via Gardoncini 7 (TO).

Per avere maggiori informazioni e/o fissare il colloquio conoscitivo gratuito:

dott.ssa Silvia Moroso  334. 1535623
dott.ssa Ariana Di Rienzo 346. 3291017
Mail: info@salutepsicofisica.it


Il Nuovo Centro di Salute Psicofisica mette a disposizione i suoi professionisti attraverso lo sportello SOS MEMORIA

  • per fornire una valutazione globale della memoria, dell’attenzione e delle altre funzioni cognitive
  • per il potenziamento delle abilità cognitive che più risentono del normale invecchiamento
  • per offrire percorsi personalizzati di riabilitazione e stimolazione cognitiva

Per saperne di più sul servizio SOS MEMORIA 

oppure contattaci per un appuntamento:
+39 339 8816049
info@salutepsicofisica.it



L’ALZHEIMER CAFFÈ TORINO è un luogo dove i familiari dei malati di Alzheimer potranno prendere distanza dai problemi, non sentirsi più soli, scambiare e condividere esperienze ed emozioni, incontrare esperti del settore… il tutto sorseggiando un buon caffè. L’ALZHEIMER CAFFÈ è un progetto promosso dall’Associazione di volontariato A.S.V.A.D. in collaborazione con gli psicologi del Nuovo Centro di Salute Psicofisica, che saranno presenti ad ogni incontro per informare e dare sostegno ai familiari dei malati di Alzheimer.

 

Dal 2017 il CAFFÈ ALZHEIMER ha due sedi nella Città di Torino offrendo 4 appuntamenti mensili.

Sede di Via Luserna di Rorà 8: aperto due mercoledì al mese dalle ore 15.00 alle ore 18.00 presso la sala polivalente della Circoscrizione 3
Sede di Via Rubino 45: aperto due lunedì al mese dalle ore 15.00 alle ore 17.00 presso Cascina Roccafranca in Circoscrizione 2

Scopri tutti gli appuntamenti!

Per informazioni:

tel.: 339 8816049 – mail: segreteria@salutepsicofisica.it

oppure

associazione di volontariato A.S.V.A.D.
tel.: 333.65.25.409 – mail: info@asvadtorino.org



Vi segnaliamo infine un nuovo manuale edito a cura dell’ordine degli Psicologi:

Facciamo un caffè. Dall’idea all’organizzazione: istruzioni per l’uso di un Alzheimer Caffè

Davide Gallo,‎ Sonia Barba,‎ Elisabetta M. L. Geda,‎ Chiara Moffa,‎ Robin Passerini,‎ a cura dell’Ordine Psicologi Piemonte

Il primo Alzheimer Caffè nacque nel 1997 in Olanda, per iniziativa dello psicogeriatra Bère Miesen che, resosi conto di come per i malati di Alzheimer le cure sanitarie fossero insufficienti, comprese la necessità di investire maggiormente negli interventi psicosociali. Gli Alzheimer Caffè (AC) sono realtà che nell’ultimo decennio hanno avuto un grande sviluppo anche nel nostro paese. L’avvio di un progetto di AC richiede una riflessione sulla natura della rete dei servizi e della rete sociale esistenti nel territorio, al fine di affidare all’AC obiettivi di sostegno e assistenza che le istituzioni non sono in grado di offrire. Questo manuale, curato dal gruppo di lavoro “Alzheimer Caffè” dell’Ordine degli psicologi del Piemonte, mette a disposizione di operatori, centri di servizi e volontariato, enti sanitari e istituzioni, un vademecum per la progettazione, la messa in atto e la gestione di un AC, definendo in dettaglio attività per i caregiver e pazienti, modalità di lavoro e di formazione dell’équipe, e fornendo linee guida e strumenti di utilizzo immediato.